Inps smentisce Repubblica. Nessun compenso retroattivo al Presidente Tridico

La   Direzione   Risorse   Umane   dell’Inps   comunica   che   non   ha   corrisposto   al

Presidente Tridico compensi arretrati in seguito all’emanazione del Decreto del 7

agosto   2020   e,   in   ogni   caso,   gli   Uffici   dell’Istituto   non   hanno   mai   previsto

l’erogazione di un compenso arretrato al Presidente per il periodo che va da

maggio 2019 al 15 aprile 2020.

Pertanto, la notizia apparsa sul quotidiano La Repubblica di oggi, a firma di

Giovanna Vitale, in merito ad un compenso arretrato al Presidente pari a 100mila

euro è priva ogni fondamento.

Il  decreto del Ministro del Lavoro e delle  Politiche  Sociali  di  concerto  con  il

Ministero   dell’Economia   e   delle   Finanze   7   agosto   2020,   a   seguito   della

ricostituzione del Consiglio di Amministrazione dell’Istituto, ha fissato la misura dei

compensi nei confronti del Presidente, del Vice Presidente e dei Consiglieri di

Amministrazione, come previsto dall’art. 3, comma 11, del decreto legislativo n.

479/1994. In particolare, i compensi annui al lordo delle ritenute fiscali e dei

contributi previdenziali obbligatori a carico del percipiente, a favore dell’Organo di

Amministrazione sono i seguenti:

Presidente: € 150.000,00;

Vicepresidente: € 40.000,00 elevabili a € 60.000,00 in caso di deleghe;

Consiglieri di Amministrazione: € 23.000.

Nel   rispetto   della   normativa   vigente   in   materia,   la   decorrenza   dei   predetti

compensi è fissata a partire dall’effettivo esercizio della funzione, ossia   

dal 15

aprile 2020     

, data di insediamento del Consiglio di Amministrazione.

Detta   regola   vale   anche   per   il   Presidente   dell’Istituto,   prof.   Pasquale   Tridico,

ancorché abbia svolto la funzione di Presidente dell’Istituto già da maggio 2019.

Difatti, anche per il Presidente la nuova misura dei compensi stabilita dal citato

decreto interministeriale decorre      

dall’assunzione della carica di Presidente del

ricostituito Consiglio di Amministrazione    

.

La Vice Presidente, Maria Luisa Gnecchi, in quanto percettrice di un trattamento

pensionistico obbligatorio, svolge l’incarico a titolo gratuito. Parimenti, è svolto a

titolo gratuito l’incarico di Consigliere di Amministrazione del Dott. Rosario De

Luca, cha ha rinunciato ai relativi compensi.

Maria Grazia Sampietro

Direttore centrale Risorse Umane

Rispondi