SMI: “Non c’è la volontarietà per la scelta dei medici.

Si discriminano le minoranze sindacali. Il nostro giudizio è negativo”

Roma. <La volontà di non abrogare l’articolo due dell’accordo stralcio sui tamponi e la forte discriminazione verso chi dissente, ci obbliga a confermare il giudizio negativo sull’accordo stralcio sui tamponi, anche alla luce della riunione di oggi delle ore 11.00> così una nota della delegazione trattante del SMI.

<L’attività dei tamponi negli studi dei medici di famiglia può essere effettuata solo come una scelta volontaria e non imposta, perché i loro ambulatori non sono strutture adatte ad accogliere i tamponi per il Covid>.

<I tamponi possono essere effettuati in strutture pubbliche delle ASL con tutte le norme di sicurezza a corredo, per tutelare la salute dei medici e dei pazienti>, conclude la nota.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...