M5S Campania, interrogazione in Regione: “Pressione ambientale tra Acerra e Pomigliano”

di Gaetano Fioretti

Eccessiva concentrazione di impianti di gestione dei rifiuti nei comuni di Acerra e Pomigliano e preoccupazioni per l’impatto ambientale. Questo il contenuto dell’interrogazione a risposta scritta che ieri Valeria Ciarambino, Vicepresidente della Regione Campania, unitamente ai consiglieri Gennaro Saiello e Luigi Cirillo hanno rivolto all’assessore regionale all’ambiente, Fulvio Bonavitacola, ed all’assessore regionale alle attività produttive, Antonio Marchiello.

<<Il comune di Acerra ospita già nel proprio territorio l’unico inceneritore della Campania che riceve da tutta la regione 750 mila tonnellate di rifiuti annui e due impianti di stoccaggio dei rifiuti – si legge nell’interrogazione – sempre ad Acerra opera uno degli impianti a biomassa liquidi più grandi d’Europa responsabile della diffusione di pericolosi inquinanti in atmosfera che vanno a sommarsi all’inquinamento generato dall’inceneritore>>. Si ricorda inoltre che <<nel comune di Pomigliano opera il cementificio “Impianti e strutture SPA” autorizzato a trattare materiali e rifiuti pari a 250 mila tonnellate all’anno – e continuano – il piano d’ambito dell’EDA Na 3 prevede di realizzare almeno altri sei impianti di digestione anaerobica e compostaggio a Pollena, Palma Campania, Marigliano, Tufino, Pomigliano, Afragola e Caivano>>. Nell’interrogazione si evidenzia che nelle aree citate già vi sono forti criticità ambientali e che, stando a quanto riportato dai firmatari, la Giunta regionale non ha adottato criteri puntuali per l’individuazione delle aree non idonee alla localizzazione degli impianti di rifiuti. <<In fase di autorizzazione degli impianti si limita a verificare l’assenza di vincoli ambientali e paesaggistici senza tener conto adeguatamente della situazione complessiva del luogo ove si intende realizzare l’impianto>> affermano gli esponenti del Movimento 5 Stelle. Per questi motivi i pentastellati hanno chiesto formalmente all’assessore regionale all’ambiente ed all’assessore regionale alle attività produttive quali iniziative intendessero assumere per impedire ulteriore aggravio della pressione ambientale nei comuni di Acerra e Pomigliano e nei comuni limitrofi. Andando oltre hanno anche chiesto delucidazioni in merito alle autorizzazioni in corso nei comuni di Acerra e Pomigliano per impianti che trattano rifiuti e quale sia il piano di sviluppo strategico e di riconversione innovativa ed eco-sostenibile delle aree industriali situate nei comuni suddetti. L’ambiente è un tema che è sempre stato particolarmente a cuore ai portavoce del Movimento 5 Stelle che ora si aspettano risposte concrete e puntuali dall’amministrazione regionale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...