Associazione Dal Basso: “Stanchi ma mai domi”

<<A seguito del servizio giornalistico sul bene confiscato alla camorra di Corso d’Amato, andato in onda su Tg3 Campania dello scorso 19 aprile, abbiamo ricevuto numerosi attestati di stima e tanta solidarietà. Siamo contenti che molti, tra coloro che gestiscono altri beni confiscati e cittadini comuni, abbiano manifestato la loro vicinanza e solidarietà>>. Questo è quanto si legge sulla pagina Facebook ufficiale dell’Associazione “Dal Basso”.

<<Andremo sicuramente avanti nell’intento di restituire alla città un bene che le appartiene. Abbiamo, però, anche dovuto registrare immotivati attacchi al buon nome della nostra associazione, attacchi isolati e inconsistenti. Contestiamo con forza le ricostruzioni operate in un post circolato su un social network, tese solo a gettare ombre inconsistenti sulla nostra Associazione. L’associazione Dal Basso, dunque, si riserva di agire legalmente a tutela del suo buon nome e per fermare questo maldestro tentativo di disinformazione che non può più essere ignorato, anche perché ormai sistematico – e continua – Come già accaduto in altre circostanze, abbiamo dovuto prendere atto di una strategia di disinformazione consolidata che tende a legare fatti veri e mere illazioni senza alcun collegamento tra loro, non denunciando nulla di concreto e dimostrabile, ma seminando sospetti gratuiti e immotivati, lasciando intendere all’interpretazione del lettore l’esistenza di una zona grigia tesa a ipotizzare inconsistenti scenari di illegalità>>.

<<Questo modo di fare “informazione” nulla ha a che vedere con il diritto di critica e viene percepito da tutti e da tutte noi, come un infondato e ingiustificato attacco mediatico, al limite del tentativo di intimidazione – e conclude – Ovviamente, non sarà questo a fermarci e non ci faremo intimidire: siamo del tutto sereni sull’assoluta correttezza del nostro operato nell’intera vicenda e siamo, inoltre, del tutto certi che isolate confuse e allusorie affermazioni mai potrebbero, in qualche modo, condizionare l’operato della pubblica amministrazione, alla quale si ribadisce la nostra piena disponibilità affinché tutte le verifiche necessarie siano espletate, rinnovando ancora una volta la nostra disponibilità alla piena collaborazione>>.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...