Il “TamponTaxTour” fa tappa a Pomigliano

Pomigliano d’Arco. Sarà lo Slargo Marco Pannella, a pochi passi dal municipio, la cornice dell’evento #TamponTaxTour, promosso dall’associazione Tocca a Noi, che sta attraversando tutti i Comuni italiani che hanno scontato o sconteranno l’iva sugli assorbenti per il ciclo mestruale. Quella di Pomigliano sarà una delle tre tappe previste in Campania e si svolgerà domani, 21 agosto, a partire dalle ore 18.30.

«Per la prima volta, ad un anno dalla nostra fondazione, – spiegano gli attivisti di Rinascita – ospiteremo un evento di rilevanza nazionale in presenza, ovviamente facendo attenzione a rispettare tutte le norme anticovid. Ringraziamo l’associazione Tocca a Noi per aver scelto la nostra città e la fitta rete di attivisti e associazioni che hanno contribuito con entusiasmo alla raccolta firme per richiedere l’abolizione della tampon tax. Senza di loro non sarebbe stato possibile raccogliere un numero così alto di firme, ad oggi oltre un migliaio, e creare una così ampia partecipazione su questo tema».

Interverranno Assia Rasulo per Officina FemministaLaura Sparavigna, consigliera comunale di Firenze e rappresentante dell’associazione Tocca a NoiLucia Ricci per i Giovani Democratici di Napoli, Domenico Modola, in arte MimmoTaki, per l’associazione Il Fare perbeneGiovanni Ventrone per i Giovani Democratici della Campania; Vito Lombardi per i Giovani Democratici di Marigliano; Michele Grimaldi, consigliere comunale di ScafatiCarlo Fraticelli per i Giovani Democratici di Somma Vesuviana; Flavia Peluso, libraia attivista presso la libreria Naima Giulia Criscuolo per l’associazione SpazioViola.

Le conclusioni saranno affidate ad Antonio Aviliocapogruppo di Rinascita al consiglio comunale di Comune di Pomigliano d’Arco. Moderatrice dell’evento sarà l’esponente di Rinascita Mariateresa Passarelli.

«Il ciclo mestruale accompagna la donna dal menarca alla menopausa; – spiegano i componenti di Rinascita – eppure, ancora oggi questo tema viene considerato un tabù e una fonte di discriminazione. La prima e la più evidente passa per la tassazione degli assorbenti, fissata al 22%, come se fosse un bene di lusso. È evidente che si tratti di un bene essenziale per la salute e per l’igiene della donna, ma, nonostante ciò, su questo tipo di prodotto igienico-sanitario, in cui rientrano anche pannolini e pannoloni, verte una tassazione pesantissima. Si tratta di un’imposta ingiusta e una vera e propria discriminazione di genere. Ad esempio i rasoi, anche questi beni di prima necessità, hanno l’iva bassa al 4%».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...