Riapre il Mama Ines, Massimiliano Iovine: “Siamo tornati”

di Gaetano Fioretti

Napoli. <<Amici è stata dura ma ce l’abbiamo il fatta. Il tanto atteso giorno è arrivato. Sarà per noi un piacere rivedervi tutticed assistere insieme a noi al 19° anno del Mama Ines>>. Questo si legge sulla pagina Facebook ufficiale del Mama Ines Club, locale storico che da 19 anni intrattiene la movida campana. Finalmente dopo due anni di buio totale per il settore dell’intrattenimento, delle discoteche e dei club si inizia ad intravedere la luce in fondo al tunnel. Il comitato tecnico scientifico ha detto si all’apertura delle discoteche ma non è tutto rosa e fiori. Le restrizioni imposte al settore rendono difficilissimo fare impresa, dopo circa due anni di chiusura gli imprenditori hanno bisogno solo di lavorare e questi paletti sono un ostacolo alla ripresa del paese. Il Mama Ines Club di Cercola oggi riapre, lancia una serata all’insegna del divertimento per sancire un nuovo corso e tornare ad intrattenere la movida campana.

<<I locale è storico, abbiamo fatto migliaia di eventi, nella realizzazione di certi eventi si considera un bilancio economico che a queste condizioni non consente affatto di andare avanti, si è in perdita>> dice Massimiliano Iovine, titolare del Mama Ines. <<La capienza dei locali in Italia è già inferiore al resto d’Europa, noi siamo fortunati perché il locale è grande ma con questi paletti è difficile – continua – Si considerano altri format che ci consentano di lavorare ma con queste restrizioni è antieconomico, il nostro è già un settore in difficoltà in generale e per questioni strutturali>>.

Inoltre si è verificato anche un fenomeno, si è alzato il mercato dei professionisti. Ci si aspettava un ribasso del cachet di tecnici e professionisti vari di addetti ai lavori dell’intrattenimento e invece c’è stato un innalzamento dei cachet. <<Si è vero. Sono aumentati i costi del 50% tecnici, dj e addetti ai lavori in generale – dice Iovine – Da un lato c’è il 50% in meno di capienza e dall’altro il 50% di spese in più. Così è dura>>.

Raggiungimento del 100% e sfruttare quello che è stato fatto con green pass e tamponi. Questo chiedono gli imprenditori e ribadiscono che rispettare le normative covid è possibile ma c’è bisogno di meno restrizioni. Vaccino, Tamponi e green pass sono strumenti che dovrebbero aiutare a lavorare serenamente, basta rispettare queste regole.

Certe restrizioni consentono purtroppo la realizzazione di eventi clandestini come i “Secret locations” in cui le persone accettano di andare a ballare pagando prima dell’evento per poi scroprire all’ultimo momento la location per evitare controlli. <<Questo non va bene, una abbondanza di parti clandestini – afferma Iovine – Non è meglio farci lavorare serenamente ed usare gli strumenti che abbiamo? I clandestini vanno avanti e noi chiusi? – e continua – la nostra struttura ha aperto 19 anni fa, abbiamo fatto un lavoro enorme per adeguarci e lavorare in maniera ridotta. Noi vendiamo intrattenimento, in una discoteca è vitale l’atmosfera che si crea e che verrebbe a mancare in certe condizioni>>.

<<Se non riusciamo a far percepire l’atmosfera tipica di un club l’utenza non viene nei club. Le normali precauzioni non sono un problema per un locale come il nostro. Ora bisogna stravolgere tutto con nuovi format per rendere possibile quella determinata atmosfera da club. Cene spettacolo, Live e tanto altro, ci stiamo lavorando>> tuona il titolare del Mama Ines Club.

Infine l’appello ai professionisti del settore: <<Usciamo da un periodo buio, un tunnel interminabile. Ora dobbiamo recuperare perché abbiamo messo mano ai risparmi per sopperire a determinate spese. 2020 e 2021 sono stati anni difficilissimi, i prossimi due anni serviranno per stabilizzarsi economicamente e per recuperare le perdite. Alcuni professionisti del settore aumentano del 50% i loco cachet e questo è un elemento di ulteriore difficoltà. Faccio un appello ai professionisti del settore di comprendere il particolare momento storico. Dopo tanti anni si diventa amici con chi collabora, ora è il momento di comprenderci tra di noi per scongiurare ulteriori difficoltà. Insieme possiamo risalire>>.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...