Sanità, Fp Cgil Campania: “Due anni di pandemia ma nulla è cambiato”

Napoli. “Garantire e sostenere un Servizio Socio Sanitario Nazionale pubblico, uniforme, equo e solidale”. Questo, secondo la Funzione Pubblica Cgil Campania, è l’obiettivo primario da perseguire a 24 mesi dall’inizio della pandemia da Covid-19″. 
“Ad ogni nuova ondata epidemica – denuncia l’organizzazione di categoria che rappresenta anche i medici e i dirigenti del Servizio Sanitario – le Regioni sembra che non abbiano imparato nulla e si muovano come se fossero in presenza di una crisi nuova e sconosciuta riportando le lancette del tempo indietro a Gennaio 2020. Anche la Campania, a causa dell’aumento dei contagi, da qualche settimana sta affrontando la quarta ondata in assenza di una organizzazione modulare della offerta sanitaria, ma con atti di imperio indirizzati dalla Regione alle singole Aziende”. 
“Intanto – secondo la Fp Cgil Campania – nonostante molti posti letto siano stati riconvertiti per assistere pazienti positivi al virus, in questo modo penalizzando i percorsi assistenziali delle altre patologie, negli ospedali pubblici i posti in rianimazione e in sub intensiva si stanno progressivamente saturando, mentre l’area critica di emergenza sanitaria, comprensiva dei Pronto Soccorso, delle O.B.I. (Osservazione Breve Intensiva) delle Medicine di Urgenza e del sistema 118, è allo stremo, la rete territoriale è al collasso e i policlinici universitari continuano a non fornire un adeguato supporto al Servizio Sanitario Regionale. Il personale, nonostante con senso di abnegazione in questi mesi si sia fatto carico delle carenze strutturali pre Covid assicurando i LEA, provato da due anni di pandemia è sottoposto ad un aumento dello stress da lavoro correlato, mentre i contagi sono in incremento tra il personale sanitario e tra gli stessi pazienti a causa della promiscuità in area critica di emergenza e della assenza di percorsi differenziati ospedalieri non ancora realizzati a distanza di quasi due anni”. 
“Non era difficile – conclude la Funzione Pubblica Cgil Campania – essere delle Cassandre per prevedere che nulla sarebbe cambiato senza una programmazione sanitaria efficace e una organizzazione ospedaliera e territoriale flessibile e in assenza di un piano straordinario di assunzioni di personale che, se non attuato, vanificherà il PNRR, ma soprattutto renderà vana la dichiarata volontà di un potenziamento della assistenza per la presa in carico dei bisogni di salute dei cittadini, perché l’unica lezione da trarre dalla pandemia è l’importanza di garantire e sostenere un Servizio Socio Sanitario Nazionale pubblico, uniforme, equo e solidale con atti programmatori coerenti con i principi enunciati”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...