Conf.s.a.f.i, Vincenzo Russo: “Tutelare il potere di acquisto delle famiglie”

Allorquando il mondo stava ancora gestendo le terribili conseguenze economiche connesse all’emergenza epidemiologica da Covid -19, lo scoppio della guerra tra Russia ed Ucraina sta, ad oggi, ulteriormente condizionando l’andamento dei mercati, con un significativo aumento dei costi dell’energia elettrica, del gas naturale e dei carburanti, nonché delle materie prime alimentari ed una conseguente diminuzione del potere d’acquisto delle famiglie. La Conf.S.A.F.I. di Napoli, pertanto, alla luce del nuovo e più drammatico scenario venutosi a creare nei tempi recenti, si augura e contestualmente sollecita l’immediata adozione di misure urgenti e concrete, ulteriori rispetto al P.N.R.R., costituito in risposta alla crisi pandemica e, per tale ragione presumibilmente non efficace per il contrasto delle ulteriori criticità sviluppatesi e per la tutela delle lavoratrici, dei lavoratori e delle loro famiglie. Le misure non possono, tuttavia, limitarsi ad un mero aumento salariale, spesso neppure percepibile dai lavoratori e nettamente sovrastato dall’aumento di tasse, imposte e costo della vita, ma devono essere realmente in grado di tutelare il potere di acquisto delle famiglie, offrendo concrete opportunità di risparmio. In virtù di ciò, la Conf. S.A.F.I. di Napoli ritiene indispensabile e non procrastinabile: – tagliare le accise su benzina, gasolio, gpl, gas metano, previa verifica sull’eventualità di aumenti irregolari dei prezzi, in virtù dell’impossibilità, per i lavoratori, di eliminare costi indispensabili per i propri spostamenti verso i luoghi di lavoro; – ridurre i costi delle bollette a tutela dei lavoratori consumatori; – stabilire, nei contratti di fornitura, una quota di consumo esente da imposte e ad una tariffa minima ed agevolata per i nuclei familiari; – eliminare la tassa di possesso di veicoli quali autovetture e motocicli, a beneficio delle lavoratrici e dei lavoratori privi di alternative per gli spostamenti verso i luoghi di lavoro. Si tratta di alcune delle proposte, attuabili sul breve termine, che consentirebbero alle lavoratrici e ai lavoratori di (r)esistere in condizioni di dignità, in un contesto storico – senza timore di smentita – destinato ad influenzare non solo il presente, ma anche il futuro di più generazioni. Nella speranza di puntuale ascolto delle parti sociali tutte nello sviluppo di ulteriori proposte ad esito dell’ascolto diretto del mondo del lavoro, vero motore produttivo del nostro Paese, auspichiamo che tutti gli Organi in rubrica percepiscano come proprio lo stato di necessità nel quale versano le famiglie italiane e che si attivino al più presto alla ricerca di soluzioni efficaci e percepibili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...