ISTANBUL, 27 GIUGNO 2022 – Inaugurata oggi la nuova sede in Turchia ad Istanbul di NetCom Group. Dopo alcuni “colossi” dell’imprenditoria italiana come Cementir, Ferrero, Pirelli, Salini Impregilo, anche NetCom Group, azienda leader in Italia e in Europa, con quartier generale a Napoli, nei servizi evoluti di ingegneria è ufficialmente sbarcata in Turchia, inaugurando a distanza di qualche mese dai suoi primi accordi con importanti partner turchi, soprattutto nel settore automotive come Tofaş, la sua sede a Istanbul. E NetCom inizia con il botto in Turchia, con un primo grande accordo. «Possiamo annoverare un primo grande successo della nostra azienda con l’apertura qui della nostra sede con le attività in Tofas – sottolinea Domenico Lanzo, ceo e presidente di NetCom Group – che ci rendono onorati per il prestigio che ne riceviamo. Siamo grati alla Turchia per consentire ai nostri ingegneri di collaborare alle nuove produzioni che dallo stabilimento turco usciranno e ringrazio anche il CEO Cengiz Eroldu, che ha ritenuto credibili le nostre competenze, valorizzando il nostro lavoro di tutti noi». Il mercato turco è dunque uno sbocco importante per il business internazionale delle imprese italiane, in particolare in alcuni settori. Nel mercato turco sono attive oltre 1.500 imprese italiane, una presenza consistente. Tra queste non poteva mancare, vista l’importanza del mercato turco, anche NetCom Group che con la sua holding è diventato uno dei gruppi leader in Europa nei servizi di alta ingegneria. Inaugurazione avvenuta alla presenza dell’Ambasciatore italiano in Turchia Giorgio Marrapodi nella suggestiva cornice di Venedik Sarayı (Palazzo di Venezia) a Istanbul, già sede diplomatica d’Italia, oggi residenza estiva dell’Ambasciatore d’Italia. «Quella di oggi dell’apertura di una sede dell’azienda italiana NetCom Group in Turchia è una buona notizia – ha commentato Giorgio Marrapodi, l’Ambasciatore italiano in Turchia – il poter prendere atto che permane il dinamismo del tessuto economico italiano all’estero. Un grande punto di forza del nostro Paese è stato quello di saper esportare all’estero la nostra cultura che è anche quella imprenditoriale. Esportare all’estero quella che è la qualità dei nostri prodotti. E oggi dimostriamo ancora una volta ad affacciarci all’estero anche nei settori tecnologici e quelli più avanzati». «Abbiamo chiuso il 2021 – ha aggiunto l’Ambasciatore – con un interscambio pari a 23 miliardi di dollari». Tra i partecipanti il direttore R&D di Tofas, Giuseppe Masciocco, il Country Manager di Pirelli in Turchia, Gian Paolo Gatti Comini, il General Manager di Leonardo Turchia, Sinan Şenol, la vicepresidentessa di Cisco Turchia Nevcihan Matur e il segretario generale della Confederation of Italian Entrepreneurs Worldwide, Giulia Barattelli.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: