Porto di Palermo foto dell'Autorità Portuale

Palermo, – Oltre un quintale di alimenti, di incerta provenienza e potenzialmente dannosi per la salute umana, è il quantitativo che i funzionari ADM dell’Ufficio delle dogane di Palermo, congiuntamente ai militari della Guardia di Finanza, hanno scoperto e sequestrato all’interno del porto, nell’arco dei primi quindici giorni di novembre, durante le operazioni di controllo dei viaggiatori provenienti dal Nord Africa.

I prodotti vegetali privi di certificazione sanitaria, trasportati all’interno dei bagagli e dei veicoli dei passeggeri in arrivo dalla Tunisia, oltre a essere considerati nocivi, avrebbero alimentato la commercializzazione nel mercato parallelo, eludendo i controlli normalmente effettuati sotto il profilo sanitario.

Nella sola stagione estiva appena trascorsa è stata bloccata merce per oltre una tonnellata.

L’attività di servizio, assicurata dalla sinergica collaborazione tra ADM  e Guardia di Finanza, si inquadra nell’ambito della costante azione di controllo a tutela della sicurezza dei prodotti e della salute dei consumatori.

www.impresaitaliana.info

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: